I cookies ci permettono di farti trascorrere una piacevole esperienza di navigazione.Utilizzando il nostro sito web acconsenti al nostro uso dei cookies. Ultimo aggiornamento della Policy sulla Privacy: 04/06/2018

ISCRIVITI

PER SAPERNE

DI PIÙ

Iscriviti oggi e ricevi uno sconto di €20 sul tuo primo ordine online

fornendo il tuo indirizzo email accetti la nostra policy sulla Privacy Policy.

*Questa promozione è valida solo per i nuovi iscritti e per l’acquisto di strumenti elettrici, non può essere utilizzata per l’acquisto di nessuna ghd limited edition, ghd gift set, di platinum+ o ghd flight e non è cumulabile con altre offerte.

   LA NUOVA

 FRONTIERA

DELLO STYLING

#ghdwanderlust

STILE: RED CARPET LUXE

Quando pensiamo alla città di Hollywood, è inevitabile non farsi balzare in testa l'immagine di acconciature impeccabili e capelli biondi. Come le immagini veicolate da molti film, la città di Hollywood è sinonimo di forme prosperose e sensuali, vestiti attillati, provocanti labbra rosse e ricci fluttuanti.

Jean Harlow è stata la prima bionda sexy; questo termine deriva dal ruolo da lei ricoperto nel film del 1933. Timida e riservata, il suo destino improvvisamente cambiò quando si trasformò in una bionda platino. Il suo stilista Alfred Pagano utilizzava acqua ossigenata, ammoniaca, Clorox e Lux flake per ottenere le sfumature. Senza sorprese, questo potente coktail di detergenti per la casa non era un'opzione salutare ed in molti hanno avanzato l'ipotesi che la morte prematura di Harlow fosse provocata dall'effetto delle dosi settimanali di quei solventi sulla cute. Tuttavia, l'icona era stata forgiata, ed i biondi ricci erano diventati l'immagine del tappeto rosso hollywoodiano che non sarebbe mai più scomparso.

la fotografia: @kimberlykinghair

Glamour uscì per la prima volta agli inizi degli anni '40, con uno spazio dedicato alle attrici di Hollywood e l'obiettivo di ispirare le giovani donne fornendo loro una piecevole distrazione rispetto alla triste realtà della Seconda Guerra Mondiale. Mentre il mondo viveva nel tumulto e le uniche acconciature adottate erano volte alla praticità, vista la necessità di lavorare nei campi e nelle fabbriche, la bellezza nel cinema si rifaceva sempre di più al tema dell'escapisco, con acconciature elaborate. Durante gli anni '40 Lana Turner e Betty Grable divennero le icone dell'haistyle ed ispirarono le giovani donne a rendere le loro acconciature più creative. I ricci si potevano realizzare legandoli con dei pezzi di stoffa, oppure attorcigliando i capelli intono a qualcosa che creasse voluminosi Victory Rolls (nome che deriva probabilmente da una manovra aerea intrapresa durante un combattimento).

la fotografia: @chusghd

Meno sexy, ma allo stesso tempo di grande glamour, Lauren Bacall, Veronica Lake e Rita Hayworth optarono per onde più lunghe e soffici, dall'effetto vedo non vedo, coprendo un occhio per esprimere un atteggiamento seducende. Tutto ciò potrebbe oggi apparire fuori moda, ma pur sempre femminile. Mantenere uno standard glamour era considerato un comportamento importante nel tentativo, durante la guerra, di mostrare al mondo un volto nuovo, bello, coraggioso e rispettoso dell'etica e della morale.

la fotografia: @albaliagaghd

Il 1950 fu il periodo per gli hairstylist di tramandare la loro esperienza sugli stili glamour. Nomi come Alexandre de Paris e Raymond "Mr Teasy Weasy" Bessone divennero le celebrità per eccellenza per le loro capacità di creare look voluminosi e raccolti che immortalavano l'idea dell'eleganza. Nel 1956 Raymond fu pagato 2.500$ dall'attrice Diana Dors per volare in America e realizzarle un look per un evento da red-carpet (c'è da considerare che con tale cifra a quel tempo si poteva acquistare una casa). Sia Alexandre, fra i cui clienti si citano Audrey Hepburn e Jackie Kennedy, che Raymond vantavano saloni dalle dimensioni enormi che rendevano gli appuntamenti delle signore delle vere e proprie esperienze di lusso.

Anche durante gli anni '50, le donne di Hollywood continuarono ad essere delle bombe sexy bionde. Marylin Monroe e Jayne Mansfield rappresentavano l'idea della ragazza della porta accanto e resero il biondo platinum ed i ricci immacolati uno stile da emulare, inserendolo tra i migliori stili di capelli degli anni '50. Se Marylin aveva per gloria ricevuto curve mozzafiato e una carriera che in molti avrebbero desiderato, la sua capigliatura tuttavia era facilmente emulabile. Le modalità di realizzazione dei look delle attrici erano ampiamente disponibili, per cui tutte le donne potevano avere quei look sui propri capelli indipendentemente da chi fossero e dove fossero.

La nozione di glamour si è tramandata negli anni e si è modificata a seconda dei vari trend in voga nel tempo, ma le icone leggendarie del cinema in bianco e nero rimarranno sempre il punto di riferimento di un glamour intramontabile e difficilmente imitabile.

Nel 1980 Madonna sperimenta per la prima volta una serie di look tutti diversi fra loro, ma è la sua Ambizione Bionda, ispirata ai ricci di Marylin, a fare scalpore. Anche le bombe sexy dei cartoni animati, come Jessica Rabbit, si rifacevano al mito hollywoodiano, così come i disegnatori, che prendevano spunto per i loro lavori dalle foto di Rita Hayworth e Lauren Bacall. Per Gwen Stefani negli anni '90 tutto girava intorno all’influenza di Jean Harlow; ha persino recitato una piccola parte nel film The Aviator. Negli anni 2000 Dita von Teese portò invece lo stile retrò, della ragazza pin-up, ad un livello di eleganza superiore. Nonostante sia una bionda naturale e ammetta di essersi ispirata a Marylin Monroe e Veronica Lake, i suoi capelli corvini pettinati con uno stile ondulato divennero una vera icona.

la fotografia: @jenniferchatburn

la fotografia: @morenaghd

Oggi viviamo in una società che è ossessionata, forse più di prima, dalla celebrità. Grazie ai social media, possiamo vedere le star che ci piacciono ogni volta che vogliano, e siamo costantemente inondati da ispirazioni di bellezza o ideali irraggiungibili a seconda del punto di vista da cui osserviamo. Che ci piaccia o no, la famiglia Kardashians è l'icona di bellezza per eccellenza di questa generazione e possiamo seguire sempre di più i loro hairstylist attraverso Snapchat, possiamo comprare i prodotti che usano e allo stempo condividere la nostra esperienza con i nostri followers.

Mentre la famiglia Kardashians cambia spesso il suo stile di capelli, anche solo in parte, è interessante notare che l'idea tradizionale del glamour hollywoodiano è completamente scomparso dal red carpet. Alla cerimonia degli oscar si vedono sempre più attrici con acconciature lunghe e voluminose portate su una spalla. A parte qualcuno che come sempre infrange le regole e desidera esprimere un'idea differente, gli stili vintage non sono più così lontani dal red carpet.

Nostalgia dei vecchi tempi? Oppure lo stile classico è tale per una ragione precisa. Per qualcuno questo stile non si addice e ci sono infinite possibilità per renderlo moderno: toni matte, texture disordinare, accessori, stili bob corti, base non troppo pulita... le possibilità sono infinite anche quando la base è la stessa.

Avanzato per la tecnologia significa velocità ineguagliabile, più facilità o maggiore confortevolezza per raggiungere look ricci dal glamour impeccabile. I clienti e gli hairstylist possono realizzare un'infinità di stili ricci o ondulati in un solo istante, senza danneggiare la salute dei propri capelli o dei capelli delle loro clienti. Sembra così impossibile che questo trend possa andare ovunque voglia in qualsiasi momento, ma è innegabile che nella sua omogeneità questo stile rievochi cenni creativi. Dopo i ricci immacolati che ci hanno accompagnato durante gli anni '50 e '60, gli stili red carpet degli anni '70 e '80 si sono caratterizzati per look più morbidi e meno raccolti, pieni di colori ed all'avanguardia. Gli stessi look si succederanno ma in chiave ancora più morbida, quasi da spiaggia e molto più freschi e reali. Dopo tanti anni di attenzione al dettaglio e alla perfezione torna la freschezza, il tocco moderno, che riportano ad un glamour più contemporaneo.

Red Carpe Luxe significa acconciature dalle onde naturali, perfettamente scolpite e luminose. Uno stile glamour, ma senza eccedere troppo, perfetto per essere fotografato e mostrato sui social media. Un look non troppo serio, che prende spunto dai red carpets, ma che aggiunge a questo stile classico un pizzico di modernità; affascinante, ma con uno sguardo sfacciato al passato.

Potrebbe essere paragonato ad una donna sicura di se stessa, ma non vanitosa, una donna forte, alla moda e con tante sfaccettature diverse. Una donna che si mette in posa per farsi le foto il sabato sera, ma non per farsi notare dagli altri. Così può essere definito il glamour nel 2017: brillante, intelligente, senza paura.

la fotografia: @morenaghd

SCOPRI DI PIÙ SULLA COLLEZIONE WANDERLUST:

DI PIÙ:

SE NON CHIEDI, NON AVRAI GHD!

Ricevi il regalo che veramente desideri inviando un suggerimento forse un po' sfacciato.

Quest'anno vorrei

massimo 19 caratteri
massimo 150 caratteri
*campi obbligatori
Non hanno accettato la tua hint card!

Sfortunatamente, {0} non vuole ricevere email da parte di ghd, per questo motivo non possiamo inviare la tua hint card. Non ti preoccupare, ci sono tantissimi altri modi con i quali potrai far sapere ai tuoi cari cosa desideri, ad esempio:

  1. Condividi sul tuo social la #getthehintdarling

HAI INVIATO TROPPI SUGGERIMENTI

Grazie di aver inviato un suggerimento per il regalo che vuoi. Sfortunatamente, hai superato per oggi il limite di suggerimenti consentiti; torna domani e assicurati di ricevere il tuo prodotto ghd preferito.

GRAZIE {0}

Aumenta la possiblità di ricevere il regalo che veramente desideri condividendo il tuo suggerimento sui social.

INVIA PIÙ SUGGERIMENTI

Assicurati di ricevere la confezione che preferisci e invia più suggerimenti.